Fuoriluogo_CENTRO FIERE-Macerata

2_DSC08055 3_DSC08044 4_DSC08043 4a_DSC08062 5_render 6_MANIFESTO 50x70 ancora 7_pallets 8_62545_122110164509229_105283299525249_119454_4611432_n 9_DSC08265 10_DSC08269 11_DSCN3454 12_DSC08376

14_100_0066Fuoriluogo

Villa Potenza-Macerata 2010

 

Arch. Guido Graziani

Arch. Mauro Mancini

Arch. Michele Romoli

Arch. Daniele Belleggia

Arch. Manolo Tartari

progetto


Il “Mercato” è il grande rivoluzionatore della nostra società: ha abbattuto barriere per far circolare e fluire liberamente le sue merci,  ha omologato culture diverse ed omogeneizzato la civiltà moderna.
Ci ha trasformati in un popolo di consumatori,  o meglio in una moltitudine di individui in cerca ognuno dei propri desideri da soddisfare, delle proprie libertà da saziare.

Consumare è diventato ormai uno “stato di necessità”, quasi un bisogno primario: come non possiamo non lavorare, non possiamo non consumare. Consumiamo oggetti, affetti, relazioni…suolo.

Nella società dell’iper-consumo le multisale, i centri commerciali, gli outlet…sono diventati i nostri nuovi “templi”: scatoloni enormi, tutti uguali e trasparenti per mostrare la merce e/o colorati e disneyani per renderli più attraenti.
Modelli standardizzati flessibili e adattabili ai fini del mercato, ma che tanto piacciono alla nostra civiltà ormai orientata su abitudini, stili di vita e comportamenti di consumo.
Non c’è più una teoria del progetto alle spalle: la forma è dettata esclusivamente dalla moda del momento e dai suoi codici espressivi senza alcun tentativo di ricerca culturale.
Quale identità hanno questi nuovi “castelli di Marzapane”? Quali relazioni costituiscono tra gli individui?
Osservando in maniera critica questi “luoghi” nei quali viviamo e ci relazioniamo nasce l’ installazione FUORIL(U)OGO.
Uno spazio di sosta per fermarsi e riflettere. Una “nicchia” accogliente all’interno del “mercato”  costruita assemblando semplici bancali. Una pausa… per pensare alla qualità di quei luoghi che possediamo senza esserne proprietari ma che sono parte integrante del nostro essere uomini e società.
Uno sguardo trasversale tra “logiche del mercato” e “massa di individui” sedati da immagini patinate e travolti dalla frenesia del consumo.
Ma siamo realmente pesci in un acquario, traditi dai nostri desideri e pronti ad “abboccare” alle tentazioni del mercato …?

Fuoriluogo_CENTRO FIERE-Macerata ultima modifica: 2012-09-16T01:23:01+00:00 da studiocrea